mercoledì 17 ottobre 2012

Contrordine: smonta e rimonta, smonta e rimonta...
A SU PALLOSU IL LIMITE DEI 30 ORARI DURA SETTE GIORNI
il comico balletto dei cartelli tra comune e Provincia
che penalizza ancora una volta la sicurezza di persone e animali

Su Pallosu, stessa strada e limite che va e viene.Un vero e proprio balletto.In 7 giorni il cartello del limite di velocità è stato cambiato due volte.
A  Su Pallosu la sicurezza è diventata un terno al lotto. Perchè ? 
Semplice: il 5 aprile scorso, anno 2012, la Provincia  aveva installato per la prima volta un limite di velocità, era quello dei 50 orari. Sette Giorni fa il 10 ottobre  limite è stato abbassato a 30 Km orari, ma questa mattina, 17 ottobre, nuova  colpo di scena. E' ricomparso il vecchio limite dei 50 orari.50-30-50.Questo il terno (o meglio ambo ) che si potrebbe giocare.Dove ? Sulla ruota ovviamente di....Su Pallosu. 
Arieccolo: è ricomparso oggi 17 ottobre 2012, in sostituzione del limite dei 30 messo appena 7 giorni fa.
Ci sarebbe da ridere se non ci fossero in ballo la sicurezza di persone e animali (sterilizzati, vaccinati e curati ogni giorno).Come più volte denunciato anche attraverso petizioni popolari ogni giorno la strada di Su Pallosu è teatro di vere e proprie esibizioni di pirati della strada che si "divertono" a sfrecciare a oltre 100 Km/orari.Sfiorati più volte incidenti a bambini, turisti, ciclisti, cavalli dei maneggi vicini e falciati 5 gatti (due dei quali sterilizzati e vaccinati con fondi dei volontari) in 3 anni con omissione di soccorso.Una situazione di gravissimo pericolo per l'incolumità fisica segnalata da tempo a tutte le autorità senza che questa abbiano mai fatto nulla.E allora in questo quadro d'insicurezza s'inserisce il comico smonta e rimonta, smonta e rimonta: due volte in sette giorni.Ma che cosa è successo ? Secondo l'Assessore Provinciale ai Lavori Pubblici Gianni Pia, il vecchio e primo limite della provincia fissato a 50 sarebbe stato abbassato una settimana fa dagli operai comunali di San Vero Milis, arbitrariamente e per errore.Dunque secondo l'Assessore Provinciale- accompagnato questa mattina a Su Pallosu dal capocantoniere della Provincia, Giuseppe Caria, che per puro caso è anche il vicensindaco proprio di San Vero Milis- è stato necessario rismontare oggi il fresco limite dei 30 e rimettere quello dei 50.
A Su Pallosu si continua a "giocare" sulla sicurezza di bambini, turisti, residenti e i 56 gatti della colonia felina.Il cartello che vedete nella foto prescriveva il limite dei 30 Km/orari di velocità: messo appena sette giorni fa è stato sostituito oggi con quello dei 50 orari.

Una spiegazione- fornitaci direttamente da Pia, venuto appositamente a Su Pallosu- che lascia allibiti.Davvero gli operai comunali senza avere le necessarie autorizzazioni intervengono su una strada provinciale ? Un cambio che ha interessato tutta la strada, non solo Su Pallosu, a partire da Putzu Idu. E davvero la Provincia ha meno sensibilità sulla sicurezza degli operai comunali ( o di chi aveva dato loro disposizione) ? Ed è possibile che il vicesindaco di Flavia Adelia Murru, che è pure attento caposquadra dei cantonieri dell'Amministrazione Provinciale non sapesse nulla  dell'apposizione del limite dei 30 orari apposto proprio dai dipendenti comunali di San Vero Milis ? Che sta succedendo al comune di San Vero Milis tra amministratori e operai dipendenti comunali ?
 L'unica certezza che abbiamo riguarda il fatto che la sicurezza a Su Pallosu continua ad essere una chimera e pure che comune e Provincia giocano con questa. Per quel che ci riguarda la nostra Associazione Culturale Amici di Su Pallosu chiede l'applicazione integrale della delibera n.26 del 23 giugno 2011 approvata dal Consiglio Provinciale di Oristano.Rallentatori, segnaletica turistica e di pericolo, con segnale di triangolo con il disegno del gatto.La sicurezza è un dovere per tutti gli amministratori, a meno che questi non vogliano che ci possa scappare il morto sulla strada...
Anche in questo caso non escludiamo di rivolgerci a tutti gli organi competenti in materia affinché la strada di Su Pallosu possa con urgenza essere messa in sicurezza.
La vergogna del limite modificato due volte in otto giorno sul quotidiano La Nuova Sardegna del 18 ottobre 2012.

Nessun commento:

Posta un commento